L’audacia di Roberto Musso colora la primavera estate 2012


Add to Flipboard Magazine.

Roberto Musso per la prossima estate propone una sartorialità audace, piena di energia e di forme inconsuete con nuove lunghezze. Ed ecco nato il nuovo chic urbano.  La Collezione Primavera Estate usa livelli differenti di armonia: colori, materie, sensazioni. La tunica in seta turchese è drappeggiata come un peplo antico e costruita perché le pieghe morbide e mai spigolose, accarezzino il corpo. La parte sul davanti cinge la vita con un nastro invisibile e lascia cadere il tessuto sulla schiena. Mini dress o top extra long a seconda dei punti di vista, il top sfila indossato con pantaloni a sigaretta color mastice che smorzano l’esuberanza del turchese.  Il top in cadi è di seta giallo camomilla. Complice la leggerezza impalpabile del tessuto, ha un lembo doppiato più lungo su un fianco di cui non si legge la forma ma il guizzo di movimento aggraziato che regala plasticità anche sul dietro e sfila indossato con pantaloni bianchi in bellissimo panama di lino. Colori saturi. Il top rubino longuette, abbinato a pantaloni turchese, è stretto in vita da una cintura in tessuto mauve. Non ci sono accessori, bottoni, decori in questa collezione. L’eleganza è sublimata nei dettagli sartoriali, nella costruzione della manica che incornicia le spalle in una forma lievemente arrotondata e nell’apertura delle braccia a forma di mandorla. Il gioco dei tagli nelle maniche torna nell’abito in seta turchese con le maniche color mastice applicate in modo da lasciare un piccolo scorcio di pelle nuda. Una cinturina doppia in tessuto rosa cipria stringe la vita. Il bianco, altro assoluto protagonista della collezione, si declina in gazar di cotone croccante dell’abito scultoreo – vagamente egg shape – caratterizzato da un gioco di stoffa che su un fianco crea un movimento di pieghe aggettanti. Le maniche, vezzose a contrasto, sono costruite per creare un lieve effetto a farfalla: incorniciano le spalle come ali di tessuto. Bianchi sbagliati per il tailleur pantalone che mischia panama di lino e sete di pesantezze e toni di luce diversi. L’uso del colore a contrasto gioca anche la parte dell’accessorio nell’abito bianco con tasche applicate: il decolté è nascosto e incorniciato da una plastron nero arrotondato e riletto. Le maniche, a palloncino, sbagliate nelle lunghezze, sono bianca l’una e camomilla l’altra. La vita stretta da una cinturina ciclamino. Dalla tela alla passerella. Il tratto fresco dei tessuti dipinti a mano rifiorisce nelle stampe degli abiti della nuova estate in un’esplosione di fantasia, macchie di colore deciso, tratti fluo, o in una tendenza all’astrattismo nel tessuto dipinto con pennellate veloci su bianco. Pantalone e giacca dai tagli maschili mitigano l’esuberanza del tessuto dipinto a mano. Il mini abito sbracciato, indossato sopra a pantaloni in cotone e seta bianchi, dietro incornicia la schiena in uno scollo di morbide piccole pieghe arricciate. Scarpe in vitello argentato quasi specchiante o sandali piatti realizzati in tessuto dipinto a mano, gli accessori “must have” della prossima estate.

 

 

 



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati