I Macchiaioli per l’Orangerie – Opere in anteprima


Add to Flipboard Magazine.

49fbdb5a3242b66c5b21f53855aac88ac78ba65Il Centro Matteucci per l’Arte Moderna propone in anteprima, dal 2 febbraio al 17 marzo 2013, nella sede di Viareggio, una straordinaria selezione di 15 opere destinate all’importante mostra I Macchiaioli 1850-1877.

Gli impressionisti italiani? che il Museo dell’Orangerie dedicherà, dal 9 aprile al 22 luglio 2013, allo storico movimento toscano. Voluta da Guy Cogeval Direttore del Museo d’Orsay, la rassegna avrà come seconda sede la Fondazione MAPFRE di Madrid (20 settembre 2013-6 gennaio 2014).
7bbdd21ef6afa3ec8d4d892bc26861a1efeL’evento vede direttamente coinvolto l’Istituto Matteucci nell’ambito del proficuo rapporto da tempo instaurato con le maggiori istituzioni culturali internazionali.
In questo caso la collaborazione si sostanzia sia nel reperimento di un significativo nucleo di opere degli artisti rappresentati – Abbati, Banti, Boldini, Borrani, Cabianca, Cecioni, Costa, D’Ancona, De Tivoli, Fattori, Lega, Signorini, Zandomeneghi -, sia nella selezione e fornitura del materiale iconografico presente nei propri archivi.
A distanza di oltre trent’anni dalla rassegna al Grand Palais (1978), i Macchiaioli tornano, dunque, a Parigi, capoluogo della cultura Europea del XIX secolo, dove in molti casi allacciarono contatti con gli esponenti di spicco dell’Impressionismo, anche per il tramite di una personalità di fine acume critico quale Diego Martelli. Alcuni, addirittura, vi si trasferirono, assimilando le idee progressiste degli artisti più inclini al nuovo.
Nella circostanza i Macchiaioli vengono riproposti sotto un’aggiornata luce critica, frutto dei recenti studi di cui sono stati oggetto, basati sui documenti emersi e sul recupero, dopo le prime grandi mostre internazionali, di opere capitali. Tra le presenze più eclatanti le tele di Signorini Santa Maria dei Bardi a Firenze e La luna di miele, rese note in occasione delle esposizioni organizzate a Firenze, rispettivamente nella Sala delle Reali Poste degli Uffizi (1991) e nella Sala Bianca di Palazzo Pitti (1997). Entrambe rientrano tra i quadri proposti al Centro Matteucci, unitamente ad altre pietre miliari quali La Passeggiata al muro torto di Antonio Puccinelli, Il Ritratto di Mary Donegani di Boldini, Le monachine di Cabianca e Le Bambine che fanno le signore di Lega.
Se nel titolo proposto dal Comitato francese (Marie-Paule Vial, direttrice del Museo dell’Orangerie, Isabelle Julia, conservatore generale del Museo d’Orsay, Beatrice Avanzi conservatore del Museo d’Orsay e Maria Lopez, conservatore capo della fondazione MAPFRE) I Macchiaioli 1850-1877. Des impressionnistes italiens? rimane aperta l’annosa questione, dibattuta soprattutto dalla critica dell’anteguerra, su un possibile parallelismo tra il grande movimento capeggiato da Monet, Pissarro e Degas e il gruppo del Caffè Michelangiolo, la selezione anticipata a Viareggio è già, di per sé, esaustiva di quello che, al riguardo, risulta l’orientamento di fondo dell’iniziativa parigina, e cioè che i Macchiaioli sono “uno dei movimenti più poetici che presenta molte affinità con le ricerche plastiche condotte dagli artisti impressionisti”.