I Patrimoni culturali del Burgenland: arti, saperi e tradizioni secolari tutti da scoprire


Add to Flipboard Magazine.

BurgenlandBurgGussing1Il Martiniloben, il liuto di Stinatz, i tessuti stampati in blu, lo zafferano pannonico, i pomodori di Frauenkirchen e molto altro compongono il ricco quadro di tesori da preservare della regione austriaca.

Il Burgenland è conosciuto in tutto il mondo per l’area del Neusiedler
See, inserita nel 2011 dall’UNESCO nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità, ma la regione più orientale dell’Austria vanta anche un gran numero di patrimoni culturali tramandati fino a oggi e ancora parte integrante del tessuto socio-culturale della zona.

Ecco qualche esempio. Il dialetto regionale specifico del Burgenland meridionale, chiamato “hianzisch”, presenta una ricchezza di caratteristiche che lo contraddistinguono da quelli della Stiria, della Bassa Austria o viennese. La domenica dopo la festa del Corpus Domini, a Neckenmarkt si festeggia dalla battaglia di Lackenbach. Durante questa giornata avviene il celebre sventolio della bandiera, una tradizione che esiste da tre secoli e mezzo.

Burgenland_2Tra i viticoltori del Burgenland si è evoluta, nel corso dei secoli, una consuetudine che si celebra ancora oggi nel giorno di San Martino – l’11 novembre – e in quelli vicini conosciuta come Martiniloben. Durante questa giornata, i sacerdoti benedicono le cantine e i viticoltori si riuniscono per degustare il vino bianco giunto a un livello ottimale di fermentazione.
Il suono del liuto vanta una lunga tradizione in Burgenland, ma solo nel 2000 nella regione è stato prodotto il primo strumento. Celebre è quello di Stinatz, denominato “Tamburizza Stinjacko Kolo”.

ImmagineIl laboratorio della famiglia Koó a Steinberg è uno degli ultimi in Europa a produrre i tessuti stampati e tinti di color indaco. Dal 2010, questa tecnica di stampa a mano in blu dei tessuti è parte del patrimonio culturale immateriale
dell’UNESCO in Austria. Bernstein, nel Burgenland meridionale, è un luogo unico al mondo per l’uso di edelserpentin nell’artigianato per la realizzazione di ciotole, vasi e altri oggetti d’arte.

imagesL’area di Seewinkel ha giocato un ruolo importante sul percorso delle mandrie di bovini grigi della steppa, allevati dal XVII secolo nei pascoli di grandi dimensioni del bacino dei Carpazi. L’Ente del Parco Nazionale del Lago di Neusiedl ne ha ristabilito una mandria a partire dal 1994 per ricostruire
l’habitat del parco. Lo zafferano pannonico è da sempre un ingrediente essenziale della cucina locale. Molto apprezzato per la sua purezza, dopo una pausa di tre generazioni viene di nuovo prodotto in Burgenland.
A Frauenkirchen un agricoltore particolarmente innovativo, Stekovics Erich, ha realizzato la più grande raccolta di pomodori del mondo, con oltre 3000 diverse varietà di pomodori che contribuiscono in maniera ineguagliabile alla conservazione della biodiversità. L’Uhudler deriva da un vitigno americano ed è originario dei dintorni delle località di Heiligenbrunn, Eltendorf e
Moschendorf. È estremamente resistente alle malattie fillossera e fungine, pertanto non richiede l’utilizzo di pesticidi chimici. Infine, il taglio delle canne del lago Neusiedl in Seewinkel, in passato interessante reddito aggiuntivo per la popolazione rurale, rappresenta oggi un elemento importante per i preziosi habitat intorno alla zona.

A due passi da Vienna, il Burgenland è una regione tutta da scoprire, vivere e ricordare. 300 giorni di sole all’anno per un lembo di terra dalle mille sfumature. In questa cornice pittorica prendono
vita castelli, fortezze, torri di avvistamento e una frizzante atmosfera culturale. Passato e presente si fondono in un tutt’uno regalando al turista la suggestione di un mix tra antiche leggende e fermento innovativo. Area naturale protetta per un terzo del territorio, il Burgenland vanta piste
ciclabili, sentieri per trekking, paradisi per velisti e surfisti: un vero eldorado per vacanze ecosportive.
Un viaggio nella storia e nei sensi, impreziosito dalle tante esperienze gourmet locali e dall’aroma dei suoi vini… per un soggiorno all’insegna del benessere sul versante più soleggiato dell’Austria.



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati