Europa: stop a pubblicità ingannevoli sui cosmetici


Add to Flipboard Magazine.

prodotti-cosmeticiDall’11 luglio è entrato in vigore l’articolo 20 del Regolamento Europeo 1223/2009 in merito alle aziende produttrici di cosmetici che presentano i loro prodotti nelle pubblicità. Sappiamo tutti quanto il marketing sia importante al fine della vendita di prodotti ma, in quanto consumatori, abbiamo la necessità di sapere tutta la verità sul prodotto che acquisteremo. Basta quindi a pubblicità ingannevoli che promettono effetti miracolosi. Grazie ad una giusta campagna promozionale e all’uso corretto delle etichette il consumatore sarà più tutelato. Simboli, immagini, marchi o denominazioni che attribuiscano al prodotto caratteristiche o funzioni che non possiedono non saranno più tollerati. Tra le informazioni che dovranno essere riportate nella confezione ci sono i contatti delle persone “responsabili” il cui compito è di assicurare la conformità del prodotto. Inoltre le aziende del settore dovranno seguire regole più precise  in materia di sicurezza dato che i cosmetici dovranno essere valutati da un sistema elettronico centralizzato che fornirà una notifica di adeguatezza da parte della Commissione Europea. Questo nuovo sistema sarà utile sia ai consumatori, i quali potranno finalmente compiere scelte di acquisto più informate, che ai produttori. E’ proprio Daniela Sacerdote, capo esecutivo dell’azienda di cosmetici Collistar, a spiegare come questo Regolamento potrà avvantaggiare la distribuzione dei loro prodotti in Europa. Le nuove leggi saranno in vigore per tre anni, periodo nel quale la Commissione Europea “sorveglierà” il comportamento delle aziende del settore beauty. Se il nuovo Regolamento non verrà adottato si ricorrerà a misure più restrittive.



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati