Natale 2013. Riscopriamo la tovaglia bianca della nonna


Add to Flipboard Magazine.

tavola-nataleCrisi, crisi, crisi. La maggior parte degli italiani dovranno ridurre il budget per gli acquisti, ma preparare una bella tavola non costa nulla. Tirate fuori dai cassetti le vecchie tovaglie della nonna, se ne avete una bianca è il massimo. Il candore di una tovaglia antica crea l’atmosfera giusta per una riunione in famiglia, in fondo è come un piccolo paragrafo della vostra storia.  Non caricate la tavola di troppe cose. Apparecchiate con cura, tirate fuori dal cassetto l’argenteria se ne avete, porcellanecristalli.  Insomma tutto ciò che parla della vostra famiglia. L’ideale sarebbe utilizzare dei sottopiatti che siano in tema, purchè siano semplici.

Se avete una tovaglia di pizzo potrete appoggiarla sopra a un tessuto di taffetas cangiante o a un semplice cotone di colore rosso, purchè siano lunghi sino a terra e si creino le giuste proporzioni tra il tessuto e la tovaglia di pizzo.

Preparate un bel centrotavola con dei rametti di pino appoggiati su un vassoio tondo o ovale, su cui andrete a sistemare una piramide di frutta tropicale e non,  ma mi raccomando di non dimenticare l’uva che è molto scenografica e poi..porta bene dicono!  Evitate i centrotavola preparati con dolci e panettoni, sono del tutto fuori luogo danti a un piatto di pesce o di tortellini.

Preparate dei segnaposti che possono diventare dei ricordi che i commensali possono portare via.  Ottimi i mini bouquet di edera e vischio, raccolti con un nastrino di velluto rosso, o blu o argento a cui legherete un bigliettino con il nome della persona a cui avete destinato quel determinato posto.

Una tovaglia bianca, ricamata o di pizzo, è chic, oggi come allora, e soprattutto non conosce crisi



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati