Arte, a Venezia la nuova personale di Tom Parish


Add to Flipboard Magazine.

TOM PARISH 2009Il pittore americano Tom Parish torna per la terza volta a Venezia con una mostra antologica che riassume gli anni più recenti della sua carriera, quasi interamente dedicati alla rappresentazione della città lagunare.

Dal 5 giugno al 31 agosto, la suggestiva sede del Chiostro della Chiesa della Madonna dell’Orto ospiterà infatti l’esposizione “Venezia”, con una selezione diopere che interpretano la bellezza e il fascino di una città alla quale l’artista è particolarmente legato.

La Venezia proposta da Tom Parish è una città in apparenza compatta e sintetica, della quale vengono messe in risalto le forme più semplici e diffuse, per lasciare lo spazio più ampio all’armonia di oggetti e natura, soprattutto dell’acqua, specchio nitido sul quale tutto trova molteplici rappresentazioni.

Canareggio V  64__x 54__2014L’artista, delicato e minuzioso nella lettura dell’elemento Natura, ma deciso nella rappresentazione delle forme e nell’adozione di una scala cromatica intensa, riesce nello stesso tempo a coinvolgere e a rapire l’osservatore che s’immedesima in modo spontaneo nel suo stesso stato d’animo, nella lenta e attenta osservazione della realtà e dei suoi silenziosi e impercettibili mutamenti.

Dopo la mostra del 2009 “Grandi Finestre/Large Windows”(Scoleta dei Battioro e Tiraoro) che Tom Parish aprivasulle proprie riflessioni culturali sul passato e su visioni della città dipinta con un tocco di magico, e dopo “Canti silenziosi di Venezia/Silent Songs of Venice” del 2012 (Museo Diocesano) ove protagonista era la silenziosa contemplazione dell’elemento Acqua, questo nuovo capitolo “veneziano” dell’artista di Detroit si propone come una vera e propria summa del suo lavoro su Venezia. Da qui deriva anche la scelta della sede espositiva: un luogo “aperto”, dove arte e realtà si compenetrano e diventano una cosa sola.

Memoria 60__x72__2013La mostra presso il Chiostro della Chiesa della Madonna dell’Orto si compone di opere di grandi dimensioni, e il suo percorso viene idealmente completato nella sede del Ristorante Antica Sacrestia di Venezia, che ospiterà per tutta la durata dell’esposizione altre opere di Tom Parish.

E’ corredata da un catalogo con testi di Joe Parisi (scrittore e storico di Chicago) e di Francesca Canu, architetto e fotografo, assistente di progettazione architettonica e urbana alla Facoltà di Architettura La Sapienza di Roma.

 

 

Tom Parish, (Hibbing-Minnesota, 1933) vive e lavora a Detroit. Esercita la sua arte dalla prima infanzia, ma è nato artisticamente durante il periodo eroico dell’arte americana degli anni ’50 e ’60. Ha dato origine al Cass Corridor Group, giovane avanguardia della sua città natale e ha influenzato diverse generazioni di artisti della Wayne State University, presso la quale è stato Docente di Pittura e di cui è oggi Professore Emerito. Testimone e attore delle diverse novità linguistiche che hanno caratterizzato il Novecento, in particolare del Surrealismo, Tom Parish dipinge Venezia da oltre venticinque anni.  



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati