Terra di risaie: la mostra fotografica che unisce cultura e tradizione di Vigevano


Add to Flipboard Magazine.

Italia, Vigevano.  Sarà allestita, nella storica cornice del Castello Sforzesco di Vigevano, presso la Strada Sotterranea, dal 14 febbraio al 29 marzo 2015, la mostra fotografica di Graziano Perotti“Terra di risaie” che racconta la storia e le tradizioni della terra che le ospita, ricorda il passato ed esplora il presente.

la semina del riso avviene dopo la meta di Aprile

Al centro di tutto, il riso. È l’elemento principale della mostra, ma anche uno dei protagonisti di  Expo 2015. In occasione dell’Esposizione Universale, infatti, saranno allestiti sia un cluster dedicato, dove saranno presenti alcuni Paesi per cui il riso è un vero mezzo di sostentamento, sia un’area all’interno del Padiglione Italia, dove la produzione di riso di Vigevano sarà celebrata come eccellenza del territorio.

“Chiunque pensi alle risaie – dichiara Andrea Sala, Sindaco di Vigevano – non può non associare questa immagine alla Lomellina, quella piccola parte della Pianura Padana delimitata dai tre fiumi Sesia, Po e Ticino. Vigevano ne rappresenta il centro più importante, dal ricco patrimonio storico – rinascimentale, una località che, negli anni, ha saputo far convivere la sua vocazione imprenditoriale, rappresentata dai numerosi calzaturifici e dalla produzione meccano-calzaturiera, al mondo rurale che la circonda e la comprende, con le sue tradizioni, le arti ed i mestieri che continua orgogliosamente a coltivare”.

La mostra “Terra di risaie” esalta, in 35 foto, la bellezza dell’ambiente che circonda Vigevano. Sarà possibile ammirare un reportage in bianco e nero, ma anche vere e proprie opere d’arte a colori che cambiano al ritmo incessante delle stagioni: dopo il riposo invernale, l’esplosione della primavera e, finalmente, l’autunno in cui tutto si tinge d’oro per la raccolta.

L’intervento critico sulla fotografia è curato da Roberto Mutti. Il libro “Terra di risaie”, realizzato a mano in tiratura di 100 copie, è curato dallo stesso fotografo Graziano Perotti ed è edito da “Edizioni  Massimo  Fiameni design.

 

Tramonto in Risaia Foto scattata a Mede Lomellina verso Castellaro La foto fa parte della seconda parte di _ Terra di Risaie _    _ Lo spirito _dove  (2)Il riso, una tradizione di oltre 540 anni.

La storia narra che il Duca di Milano Galeazzo Maria Sforza, avviò, già nel 1470, la coltura del riso nella sua tenuta di Villanova di Cassolnovo nelle vicinanze di Vigevano. Fu proprio lui, qualche anno più tardi, ad annunciare all’ambasciatore degli estensi Nicolò de Roberti, l’arrivo di 12 sacchi contenenti una particolare semente dalle grandi virtù. La mano che sparse quei preziosi semi in Lomellina fu anche la prima mano a raccoglierne i preziosi e primi chicchi in Europa.

“Sono partito – dichiara Graziano Perotti, fotografo e curatore della mostra – da “Nutrire il pianeta, energia per la vita” che accompagna Expo 2015 e che sottolinea quanto sia importante che, nel mondo, tutti abbiano un diritto fondamentale: quello del nutrimento, del corpo e dello spirito. La mia professione di fotografo mi ha permesso di incontrare persone provenienti da tutte le parti del mondo, ognuna con la sua storia, le sue abitudini e le sue tradizioni. Ma c’è una cosa che accumuna gran parte delle popolazioni: il riso. Non si tratta di una semplice pietanza, ma di una vera e propria occasione di incontro e di condivisione. Ho imparato che non è importante se i chicchi vengono usati, come faceva mia nonna, come rosario o se sono al collo di un pellegrino in Oriente, se il riso è all’interno di un piatto di legno, una ciotola smaltata, nel verde di una foglia di banano, avvolto nel cotone grezzo in un lontano monastero o preso dalle mani di un bambino in braccio alla sua mamma: i chicchi ci hanno sempre unito, a qualsiasi latitudine mi trovassi, e mi hanno sempre riportato, con la mente, a casa perché all’interno avevano lo stesso identico amore, la stessa fatica e la stessa missione di quelli seminati da secoli nella nostra Terra di risaie”.

 

Tramonto in risaia lomellina nei dintorni di zerbolò (2)La strada sotterranea, sede della mostra

La mostra sarà ospitata presso Castello Sforzesco di Vigevano: si tratta di un manufatto unico in tutta l’architettura castellana europea e rappresenta una delle più formidabili opere di ingegneria militare medievale.

La strada sotterranea è la parte inferiore della strada coperta, chiamata anche strada soprelevata, ha proporzioni gigantesche: è lunga 167 metri e larga 7.  Supera un dislivello di 10 metri tra il maschio del Castello e il luogo in cui un tempo sorgeva la Rocca Vecchia, fortilizio affacciato sulle campagna, al limite delle mura.

Fu realizzata nel 1347 da Luchino Visconti per consentire ai signori di Milano di entrare e uscire dal Castello senza essere visti dagli abitanti del borgo, e di fuggire in caso di pericoli incombenti.
E’ una costruzione possente che é rimasta intatta nella sua colossale struttura: i militari vi fecero transitare pesantissimi cingolati fino alla metà degli anni ’60 del secolo scorso senza alcun danno per la struttura.

 

Graziano Perotti

Nato a Pavia nel 1954, dove tuttora risiede, ha iniziato a fotografare da giovanissimo dedicandosi al reportage sociale e alla fotografia di viaggio. Passato al professionismo, ha intensificato la sua attività di inviato realizzando servizi in Asia (India, Cina, Indonesia, Giava, Bali, Sumatra, Malesia), Africa (Marocco, Egitto, Kenya, Tanzania), Sud e Centro America (Cuba, Guatemala, Honduras, Ecuador, Messico, Brasile), oltre che in Italia ed Europa. I reportage, spesso accompagnati dai suoi testi, sono stati pubblicati su importanti testate e ha esposto le proprie immagini in numerose mostre personali e collettive in gallerie private e spazi espositivi pubblici.

 

Informazioni sulla mostra

Ingresso gratuito. Giorni ed orari: da martedì a venerdì 14/17.30, Sabato, domenica e festivi dalle 11.00/13.00 e 15.00/18.30. Per informazioni ufficio Iat Vigevano 0381690269 e Infopoint del Castello 0381691636.

Cover Terre di risaie