Letto per voi. Primo non nuocere. Storie di vita, morte e neurochirurgia


Add to Flipboard Magazine.

nonnuocereE’ forse il libro che tutti i pazienti dovrebbero leggere per ridimensionare le proprie aspettative fideistiche sull’infallibilità della medicina e la chirurgia. Sono le storie di vita e di carriera scritte con il cuore in mano di un famoso neurochirurgo, che opera così vicino al centro dell’identità umana da poterla distruggere con un intervento che si svolge in pochi millimetri. Un libro vero e umano che svela come i chirurghi abbiano paura e che la ricaccino indietro e la neghino anche a se stessi pur di tentare di salvare delle vite. E’ la storia di come l’uomo debba trovare l’equilibrio fra il distacco e la compassione, tra speranza e realismo e si scontri con la fallibilità della scienza e dell’uomo. Henry Marsh confessa cosa significhi avere in mano la vita delle gente e come ci si senta quando il rischio non è di uccidere un paziente, ma di renderlo disabile per il resto della propria esistenza. Qualche vittoria ma allo stesso tempo sconfitte errori e fallimenti nella narrazione di una professione eroica per la sua fragilità. Marsh confessa con grande onestà cosa significhi cambiare – in negativo – il destino di un paziente e come riuscire a conviverci senza appendere il bisturi al chiodo. Tra una diagnosi e un intervento attraverso cui si snodano i capitoli l’autore racconta la sua carriera e il destino delle persone che a lui si sono affidate con sorti spesso molto diverse. Una sfida, quella della medicina che non sta solo nel decidere se intervenire o meno ma se ad un certo punto del percorso ne valga la pena e a che prezzo. Un libro profondamente toccante e vero tanto che lo scrittore Ian McEwan lo ha definito ‘dolorosamente sincero… un risultato superbo’.

Johanna Rossi Mason

 

Scheda libro

autore: Henry Marsh

Titolo: Primo non nuocere. Storie di vita, morte e neurochirurgia.

Editore: Ponte alle grazie

Pp 328

Euro 16,70

6 Responses to Letto per voi. Primo non nuocere. Storie di vita, morte e neurochirurgia



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati