Si alza il sipario per Altaroma


Add to Flipboard Magazine.

Dall’8 all’11 luglio torna la kermesse capitolina in scena all’Ex Dogana di San Lorenzo

Sabrina Persechino - Runway - AltaRoma AltaModa Fashion Week Fall/Winter 2015/16

Roma – Sempre più largo ai giovani e un po’ meno agli atelier storici per la prossima edizione di Altaroma, che dall’8 all’11 luglio tornerà ad animare la Capitale in una quattro giorni di sfilate, performance e installazioni, confermando il nuovo corso incentrato sul sostegno dei talenti emergenti e dei valori del Made in Italy. E se all’appello manca il nome di Raffaella Curiel, che salterà la 13esima edizione della kermesse dopo l’accordo con il gruppo cinese RedStone Group, sono confermati quelli di Renato Balestra e Rani Zakhem nonché il ritorno sulle pedane romane dello stilista olandese Addy van den Krommenacker.

A testimonianza del rinnovato interesse per la couture riletta in chiave contemporanea da nuovi talenti, debutta per la prima volta a Roma Hussein Bazaza, vincitore della special edition ‘Who Is On Next? Dubai’ nell’ottobre scorso, che sfilerà proponendo un’evoluzione in chiave haute couture della collezione prêt-à-porter presentata nella capitale emiratina. Tra i protagonisti della manifestazione molti giovani portati a battesimo da ‘Who Is On Next?’ il contest creato in tandem da AltaRoma con ‘Vogue Italia’ e vera fucina di talenti, come Arnoldo][Battois ed Esme Vie, ma anche Angelos Bratis, Greta Boldini, Quattromani e Sara Lanzi.

Confermato l’headquarter della kermesse, l’Ex Dogana di San Lorenzo, spazio nato nel 1925 con la firma dell’architetto Angiolo Mazzoni, su un’area di 24,000 mt, recentemente censito nella Carta della Qualità del ministero dei Beni Culturali. Consolidata anche la struttura del programma nelle tre sezioni ‘Fashion Hub’, dedicata a scouting, formazione e promozione della creatività emergente, ‘Atelier’, contenitore di sfilate e presentazioni di maison di couture, neo-couture, piccoli atelier, sartorie e artigianalità e ‘In Town’, destinata a iniziative e attività connesse alla moda.

Per questa edizione i riflettori saranno puntati sulle strade di Roma, rigenerando lo spirito di atelier e botteghe artigiane attraverso itinerari urbani e contenuti moda fruibili da tutti, come il progetto di marketing territoriale ‘Tale(nt) of Rome’. “Grazie agli indirizzi e al supporto dei soci e del Mise – afferma Silvia Venturini Fendi , presidente di Altaroma – si concretizzano gli obiettivi del nuovo corso di Altaroma: celebrare la creatività e il Made in Italy a tutto tondo, in una dimensione più intima e ravvicinata dove l’osservatore può fermarsi, approfondire e toccare i segreti del saper fare, della nuova creatività e dei mestieri tradizionali”.

Altaroma si aprirà venerdì con la dodicesima edizione di ‘Who Is On Next?’, tra le piattaforme creative più autorevoli dedicata ai giovani talenti. Dodici i progetti selezionati: Brognano, Edithmarcel, Melampo Milano, Miahatami, Parden’s, Akhal Tekè, Azzurra Gronchi, Damico Milano, Ioanna Solea, Lodovico Zordanazzo, Pugnetti Parma, e Schield. Nella stessa giornata il testimone passerà poi a Rani Zakhem e Renato Balestra, entrambi in scena all’Ex Dogana con la loro couture, e a ‘Portfolio Review’, un giorno dedicato alla lettura dei portfolio under 40 di studenti di scuole, università e accademie.

Sempre venerdì, all’Itis Galilei e come parte del progetto ‘Tale(nt) of Rome’, saranno presentate le collezioni spring/summer 2017 di De Couture, Giancarlo Petriglia e San Andres Milano mentre l’Auditorium di Mecenate farà da cornice alle collezioni di Marianna Cimini e Caterina Zangrando. Palazzo Pallavicini Rospigliosi ospiterà invece la presentazione del libro e del tableau vivant della collezione Isabella Rossini, nobildonna e discendente dello storico compositore.

Sabato sarà la volta di Hussein Bazaza, Esme Vie, Angelo Bratis, Federica Tosi, Sabrina Persechino e ‘Portugal Fashion’, sfilata collettiva dei giovani designer portoghesi in collaborazione con Anje, mentre Addy van den Krommenacker presenterà la sua collezione ispirata all’arte di Bosch all’Ambasciata dei Paesi Bassi. Da segnalare l’esposizione ‘Artigiani del futuro: tecniche di couture’ degli studenti dell’Accademia di Sartoria Maria Antonietta Massoli, la presentazione dei cappelli Nc Pop allo Spazio Cerere e il progetto ‘The Secrets of Couture’, alla Galleria del Cembalo. Grazie alla tecnologia ‘360 VR Virtual Reality’ sarà possibile visitare virtualmente il laboratorio di alta pellicceria di Fendi, l’atelier di alta moda di Valentino e la Sartoria Farani con la parte dedicata al restauro degli abiti.

Domenica, allo Scalo di San Lorenzo saranno invece protagonisti Sara Lanzi, Arnoldo Battois, Greta Boldini, Quattromani e i final work dell’Accademia Maria Maiani, mentre World of Fashion presenterà le collezioni di stilisti italiani e internazionali al Westin Excelsior di Via veneto. Largo spazio anche quest’anno alle accademie, che lunedì chiuderanno la fashion week capitolina con la presentazione dei final work degli studenti, come la Scuola di Moda Ida Ferri, l’Accademia Altieri, l’Accademia Italiana, l’Accademia Nazionale dei Sartori e l’Accademia Koefia.

Confermate infine la tradizionale A.I. Artisanal Intelligence, quest’anno dedicata alla forza del viaggio e del passaggio da Roma, e le esposizioni diffuse ‘Road to Style’, volte a omaggiare i giovani talenti per le strade storiche della Capitale. Si parte venerdì da via del Babuino, fino a via dell’Oca e della Penna dove sabato verà celebrato Giannico, vincitore della scorsa edizione di ‘Who is On Next? nella categoria accessori. Rinnovata nche la collaborazione con il department store Coin Excelsior, che nel parco di Colle Oppio esporrà le collezioni di Angelos Bratis, MVP, Giuliana Mancinelli Bonafaccia, Oscar Tiye, e SuperDuper Hats.

7 Responses to Si alza il sipario per Altaroma



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati