Felicità femminile. Arriva il filler fai da te senza aghi


Add to Flipboard Magazine.

b-selfie-filler-cerotto-04Se c’è un punto del volto che invecchia prima e mostra i segni della stanchezza e dell’età è il contorno occhi, lo stesso così delicato da poter essere trattato solo con le creme. Le punturine in quella zona infatti sono sconsigliate e così ci si ritrova con il volto teso e senza rughe ma con l’occhio stanco. Epoca finita grazie all’idea di un cerotto che trasporta il prezioso acido ialuronico in quella zona senza dover usare aghi. L’idea è che il cerotto sia dotato di microscopici aghetti indolori che permettano di veicolare la preziosa sostanza sotto alla pelle e la depositino dove serve per un effetto filler che dura qualche giorno.

Mi sono munita quindi del dispositivo per testarlo, intanto la procedura è semplicissima: prendi il cerotto, lo applichi sotto gli occhi, lo massaggi per qualche minuto e poi lo lasci agire, un paio d’ore se hai una serata speciale in cui vuoi apparire riposata e luminosa, tutta la notte per un effetto long lasting.

La mattina si asporta il cerotto, si deterge il viso delicatamente e le rughe sono davvero attenuate e le linee sottili scomparse. B-SELFIE è un prodotto rivoluzionario, grazie a una tecnologia brevettata a livello internazionale che ha permesso di realizzare microstrutture cristallizzate di acido ialuronico puro e addizionato di fattori di crescita. Le microstrutture sono in grado di penetrare in maniera completamente indolore il primo strato del derma, rilasciando l’acido ialuronico in profondità, per uno riempimento immediato della depressione delle rughe, senza possibilità di paragone con qualsiasi altro rimedio antirughe domiciliare. Niente appuntamento dal medico estetico (e chi ha tempo), niente dolore, niente lividini.

Inoltre si può scegliere di utilizzarlo in maniera spot per sfruttare il wow effect di cui godere in una occasione speciale oppure decidere una applicazione più regolare per un effetto trattamento più duraturo nel tempo.

Personalmente l’ho provato due volte: la prima volta con l’applicazione notturna e al mattino avevo un aspetto molto più riposato e la seconda confezione l’ho riservata per un trattamento last minute dato che avevo una serata speciale, in cui volevo apparire al meglio e molte persone mi hanno chiesto se fossi stata da poco in vacanza perché avevo un aspetto riposato (niente di più falso, vengo infatti da un periodo estremamente faticoso e stressante). Quindi direi esperimento riuscito anche se consiglio di aver sempre massima cura della zona perioculare e di trattare sempre con creme idratanti ad hoc in modo che il risultato dell’applicazione del cerotto sia ancora più visibile ed efficace.

Per me il filler fai da te è certamente un SI.

b-selfie_primo-filler-fai-da-te