L’altro sono io. I neuroni specchio nello sviluppo dell’uomo


Add to Flipboard Magazine.

Una prodigiosa scoperta italiana che ha rivoluzionato le neuroscienze e in parte anche le scienze sociali. Svela almeno in parte cosa ci permette di leggere le emozioni delle altre persone, di comprenderle e entrarne in sintonia.

Comprendere le azioni degli altri infatti e l’unico modo per dar loro un significato. Un giorno per caso, come spesso accade nelle vicende che attengono la ricerca scientifica un gruppo di neurofisiologi italiani scopre l’esistenza di neuroni che si attivano sia quando si esegue un atto motorio, sia quando si osserva lo stesso atto eseguito da un altro individuo. Questa apparentemente semplice constatazione apre la strada alla conclusione che il cervello umano sia un organo relazionale che si è evoluto verso la sintonizzazione tra menti diverse. I neuroni specchio infatti si attivano ogni volta che un animale o un essere umano esegue con la mano atti motori finalizzati al raggiungimento di uno scopo. Quando l’azione è osservata da una persona o da un animale superiore come un primate nel loro cervello si attivano gli stessi circuiti e le stesse cellule. I neuroni specchio quindi rendono conto anche dell’apprendimento per imitazione che i neonati e i bambini usano come strategia evolutiva e che si perfeziona in quello che viene chiamato mindsight, la capacità di vedere il proprio mondo interno e quello degli altri. Gli autori, docenti all’Università di Parma, propongono una avvincente cavalcata nel campo delle neuroscienze in maniera semplice e accessibile a tutti.

 

Scheda libro

Autori: Dolores Rollo – Leonardo Fogassi

Titolo: L’altro sono io. I neuroni specchio nello sviluppo dell’uomo

Editore: San Paolo

Edizione: 2018

Euro 16,00



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati