Uva e dintorni, tra storia ed enogastronomia


Add to Flipboard Magazine.

Da venerdì 6 a domenica 8 settembre Sabbionara di Avio ospita la 19° edizione della kermesse che propone un fine settimana tutto da vivere, tra rievocazioni storiche, corti gastronomiche ed eventi alla scoperta del mondo del vino

Uva e dintorni 2010 (©Photo di Marco Simonini – Ala – TN – www.marcosimonini.it – mobile 335/6463080)

Avio (TN) – Squillino le trombe e si levino i calici, si preparino dame e cavalieri, cuochi, artigiani e artisti: da venerdì 6 a domenica 8 settembre 2019 è tempo di Uva e dintorni. L’evento, che fonde un’anima enogastronomica a coinvolgenti contenuti storico-culturali, si svolge ad anni alterni ad Avio e Sabbionara di Avio, in Vallagarina, dove l’Adige raggiunge e oltrepassa i confini con il Veneto. La 19° edizione si terrà proprio nella frazione sede dello splendido Castello di Avio, storico bene del Fondo Ambiente Italiano (FAI).

Una manifestazione che è organizzata dall’omonimo comitato in collaborazione con il Comune di Avio, con il supporto di Trentino Marketing e il coordinamento della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino nell’ambito delle manifestazioni enologiche provinciali denominate #trentinowinefest.

Saranno dunque tre giorni dedicati alla valorizzazione del patrimonio vitivinicolo e storico della valle, come sempre ricchi di iniziative e manifestazioni: dalla messa in scena di antichi mestieri alle rievocazioni storiche e sfilate in costume, dall’allestimento di corti gastronomiche – ciascuna impegnata in un particolare menu della tradizione – a intrattenimenti di vario genere. Tra questi, il magico spettacolo pirotecnico, particolarmente apprezzato dalle migliaia di visitatori attesi anche quest’anno.

L’evento clou della prossima edizione rimane comunque il Palio delle Botti tra Città del Vino, organizzato in collaborazione con l’Associazione Città del Vino, quest’anno particolarmente atteso perché ospiterà la finalissima nazionale, che vedrà schierate 10 squadre: le 8 con i punteggi migliori ottenuti nelle precedenti gare dell’edizione 2019, la detentrice del titolo (Maggiora, Novara) e ovviamente Avio, quale città ospitante. Un’occasione da non perdere, in programma per domenica 8 settembre alle ore 14.00, che all’emozione della gara di spinta della botte affiancherà, come da tradizione di Uva e dintorni, altre tre discipline – lo slalom femminile con le botti, la pigiatura dell’uva scalzi e il riempimento della botte – che contribuiranno a rendere la sfida ancora più adrenalinica.

Ma in generale è l’omaggio al mondo del vino il leit-motiv della manifestazione, aperta come ormai vuole la tradizione, venerdì 6 settembre, con un convegno tecnico organizzato in collaborazione con l’Associazione Skywine e dedicato alla pianificazione del territorio ai fini di una migliore viticoltura. Nelle giornate successive, i winelovers potranno soddisfare le loro curiosità attraverso visite alla rinomata tenuta San Leonardo e ai vigneti storici della zona.

Anche il Castello di Avio, tra i più noti ed antichi monumenti fortificati del Trentino e bene FAI, farà la sua parte: in particolare, sabato 7 e domenica 8 sarà aperto anche in orario serale al fine di offrire ai turisti la possibilità di conoscerlo da vicino, in uno spirito di ideale continuità tra il meraviglioso maniero e l’abitato di Sabbionara. Infine, per tutti coloro che intendano vivere le atmosfere di secoli lontani, sabato la Gualdana del Malconsiglio, associazione del territorio, organizzerà un’intera giornata nel Medioevo. Una vera e propria “full immersion” con tanto di tende da campo, cucina medioevale, lezioni di didattica militare e animazioni in costume. Uno spettacolo pensato per i più piccoli, ma che strizza l’occhio agli adulti.



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati